LA PIZZA SOSPESA NELL’ALTO GARDA

di Antonio Ricchezza

Ancora una volta la Pizza è oggetto di solidarietà, una pizza sospesa per ridare il sorriso a Beatrice.
In un periodo in cui, a causa del Covid, tutte le iniziative solidali sono sospese e il virus sta mettendo a rischio la vita della gente, la generosità delle persone non si arresta.
Alla notizia di una serata chiamata «Un pizza per Beatrice», hanno deciso di mettere mano al portafoglio per aiutare non solo questa bimba, ma tante altre persone in difficoltà.

Beatrice, una bambina di 11 anni, affetta da paralisi cerebrale insorta poco dopo la nascita, costretta ad andare in carrozzella e a faticosi cicli di una particolare fisioterapia per cercare di recuperare la mobilità degli arti inferiori. Un Sorriso Solidale di Malcesine si sta occupando da alcuni anni di questa situazione contribuendo alle spese di cura.

Lode al titolare del «ristorante e pizzeria del Porto» a Torri per aver aderito a questa magnifica iniziativa, una serata dedicata alla raccolta fondi per Beatrice, organizzata con l’Associazione “Un Sorriso Solidale” di Malcesine e con il sindaco di Torri, Stefano Nicotra. L’iniziativa è piaciuta tantissimo ai residenti del posto e non solo, già una quarantina di “pizze sospese” sono state prenotate e pagate  da parte di persone generose.

Per chi volesse fare una donazione direttamente a Un Sorriso Solidale l’Iban, con causale «Per Beatrice», è: IT66B0503459771000000 000875, per chi volesse ordinare una “pizza sospesa” basta scrivere a comune@albertobullio.it, oppure chiamare il numero 342.8044072. 

Notizia appresa da ‘A Territori

  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento