IMPASTO PIZZA CON PLANETARIA

COME OTTENERE UN BUON IMPASTO CON L’IMPASTATRICE PLANETARIA

di Antonio Ricchezza

Hai appena acquistato una nuova impastatrice planetaria Kenwood? Vuoi preparare una buona pizza con la tua impastatrice planetaria? Hai bisogno di una ricetta facile per preparare la tua pizza con l’impastatrice planetaria? Se a queste domande hai risposto in maniera affermativa, sei capitato nel posto giusto. Ciò che ti chiedo è solo cinque minuti del tuo tempo da dedicare alla lettura di questo articolo, sicuramente imparerai a realizzare un buon impasto per la tua pizza e far felice la tua famiglie e gli ospiti.

Impastatrice planetaria Kenwood

Come si presenta esteticamente la planetaria Kenwood?

Con circa 10 kg di peso, un design elegante, innovativo, e di sicuro migliorato professionalmente rispetto alle sue predecessori. La Kenwood è passata da un modello di planetaria interamente in plastica ad un modello in metallo pressofuso, garantendo maggiore stabilità durante il suo utilizzo.
Ha una potenza massima di 1700 w, il controllo elettronico della velocità con pannello retroilluminato e il frullatore in vetro termo resist. La vasca ha una capienza massima da 6.7 litri.

Pizza fatta in casa – La ricetta perfetta

La confezione ha un peso di 18 kg e all’interno vi troviamo: un manuale delle istruzioni, una chiave per il montaggio e smontaggio, una palettina, un gancio a foglia e uno per l’impasto a spirale interamente in acciaio, una spatola da pasticceria, una frusta gommata e una ciotola in vetro molto resistente. Al lato della spirale vi è un una manopola che serve sia per accendere la luce all’interno della vasca che per regolare la velocità della frusta. Una buona macchina per preparare dolci e pizze. Oggi ti spiegherò come utilizzare l’impastatrice planetaria per preparare un buon impasto per la pizza.

Prepariamo l’impasto pizza con la planetaria

Di cosa abbiamo bisogno per preparare una buona pizza con la nostra impastatrice planetaria? Normalmente utilizziamo solo quattro ingredienti: farina, acqua, sale e lievito ma siccome la stiamo preparando a casa e non abbiamo un forno come in pizzeria, aggiungiamo altri due ingredienti, zucchero e olio. Per questa ricetta abbiamo bisogno di 1,6 kg. di farina 00, 1 lt di acqua, 50 g. di sale, 2 g. di lievito di birra, 20 g. di zucchero e 50 g. di olio extravergine di oliva. Con queste dosi, si ottengono da 8 alle 11 pizze.

Il lievito

Il lievito è di fondamentale importanza per il nostro impasto. Ti consiglio se puoi, di rivolgerti al tuo fornaio di fiducia per chiedere qualche grammo di lievito di birra fresco. Il lievito deve essere friabile, non gommoso e di color avorio.

Dopo aver procurato il lievito, sistema il gancio alla planetaria. All’interno della ciotola d’acciaio, versa tutta la farina, il mio consiglio è di usare una farina macinata a pietra per ottenere una pizza molto più buona e salutare. Nel caso in cui non riesci a reperirla al supermercato, puoi sempre rivolgerti alla tua pizzeria di fiducia, sicuramente ne avrà a disposizione.

Procedimento dell’impasto

Dopo aver inserito la farina, inseriamo il lievito di birra fresco sbriciolato e diamo giusto qualche giro di macchina in prima velocità in modo da far mescolare bene lievito e farina. Il secondo passo da compiere è quello di versare il sale all’interno del recipiente con l’acqua e lasciarlo sciogliere per poi inserire l’intero litro di acqua all’interno della ciotola. A questo punto, non devi fare altro che impostare la velocità a 1 e far partire la mescola per due minuti in prima velocità. Terminata la mescola degli ingredienti, aggiungiamo lo zucchero e l’olio e lasciamo continuare la mescola per altri 3 minuti, ma questa volta impostando la velocità a due.

Trascorsi i 3 minuti, puoi sfilare il gancio, e coprire la ciotola con la pellicola trasparente e lasciare riposare il tutto per circa 20 minuti.

La lievitazione

Trascorsi i venti minuti, rovescia l’impasto su un piano di lavoro, e aiutandoti con una stecca o un coltello, fai dei tagli formando vari filoni di impasto. Dai filoni forma diverse palline di pizza di circa 250 g. cadauno per un totale di circa 8/9 pizze, abbassando il peso delle palline ne usciranno circa 10/11 pizze. Terminato questo lavoro, lasciamo lievitare per 6/8 ore le palline pizza coprendole con un recipiente.

La cottura

Dopo 6/8 ore circa, noteremo che le palline di pizza sono raddoppiate di volume e quindi sono pronte per la stesura all’interno di una teglia o se sei bravo puoi fare una pizza tonda e cuocerla nel tuo forno di casa su una pietra refrattaria.

Per il condimento, ti consiglio la classica margherita, ovvero mozzarella e pomodoro ma puoi sempre sbizzarrirti con altri ingredienti.

AUTORE
Antonio Ricchezza

Antonio Ricchezza, è uno dei blogger social più conosciuti in Italia e all’estero. Noto per aver fondato Pizza News School Srl – Albo Pizzaioli – Gossippizzaefood.it –
Peperoncinorosso.com. Collabora con vari tecnici del mondo pizza e food.

  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento