Ristoranti, Pizzerie, Bar e Pasticcerie – Aggiornamento nuovo DPCM dal 06 Novembre 2020

Dal 06 Novembre l’Italia viene divisa in tre zone

di Antonio Ricchezza

Zona rossa per Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria

Con l’ultimo decreto firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella notte tra il 3 e 4 Novembre e in vigore dal giorno 6 fino al 3 Dicembre, in Italia sono previste restrizioni differenziate da Regione a Regione in base alla fascia di rischio contagio da coronavirus.

L’Italia è stata divisa in tre aree di rischio: area gialla – criticità moderata e ne fanno parte: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto, Province di Trento e Bolzano.
Area arancione – criticità elevata, ne fanno parte: Puglia e Sicilia.
Area Rossa – criticità a rischio massimo: la Lombardia, il Piemonte, la Val d’Aosta e la Calabria. Area Verde, nessuna regione. 

La mappa dell’Italia divisa in zone

Pizzerie – Ristoranti – Bar – Pasticcerie aperture e chiusure

Con il nuovo DPCM che entrerà in vigore da domani 06 Novembre 2020, Pizzerie – Ristoranti – Bar e Pasticcerie che sono situate nella zona di colore giallo, ovvero dove il livello di criticità è più basso, restano in vigore le disposizioni del Dpcm del 24 ottobre. Quindi restano aperti dalle 5 del mattino alle 18 per poi continuare fino alle ore 22.00 con l’asporto e oltre tale orario le consegne a domicilio.

Per le attività sopra elencate situate in zona Arancione e Rosso, ovvero dove il grado di criticità è alto, il nuovo DPCM prevede la chiusura totale al pubblico di bar, ristoranti, pizzerie, pub, gelaterie anche durante il giorno, lasciando loro la possibilità dell’asporto fino alle ore 22.00 e senza limiti di orario per la consegna a domicilio.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento