Uscire fuori dalle righe…

di Vincenzo Giovinazzo

Esaltare le aspettative

Un amico mi chiama dicendomi se poteva venire con i suoi colleghi a fare una degustazione dei miei prodotti, certamente rispondo io, sarà un piacere servirvi.

È venerdì mattina e sono come sempre nella mia pizzeria a preparare la mice en place per il servizio serale.

Devo anche preparare una degustazione per un amico che porta i suoi colleghi ad assaggiare le sfiziosità che preparo io.

È mezzogiorno, arrivano in quattro e si accomodano, scambiamo qualche chiacchiera.

Il dialogo verte sul cibo, uno di loro è apicoltore, allevatore di conigli, gli piace mangiare “poco ma buono”, facciamo un brindisi.

Loro si siedono a tavola ed io inizio a servire le pietanze.

Il cibo è il protagonista

Iniziamo con qualche affettato particolare, del pecorino stagionato in grotta, e si continua con gli arancini, le frittelle farcite, per arrivare al momento delle pizze.

Ogni portata era seguita da complimenti a raffica.

Porto la prima pizza, loro fanno delle foto, le iniziano a mordere e…

lo stupore si legge nei loro volti, io nel vederli rimango perplesso perché non riesco a capire se si tratta di approvazione o di fallimento.

L’inaspettato

Ingioano il boccone e subito, rivolgendosi a me iniziano a dire: ma questa pizza fa paura!

È buonissima, ha una combinazione di sapori equilibrati, un gusto fuori dal comune, ecc ecc.

Wow, che botta di emozioni. Ritorno in cucina e preparo altre tre pizze.

E’ un crescendo di combinazioni aromatiche, sapori e colori, abbino uova di quaglia con tartufo, crema di cavolo viola con guanciale Amatriciano, melanzane viola con cipolla rossa di Tropea e capellini di peperoncino e tutto arriva sulla tavola di questi clienti.

Lascio immaginare i complimenti a raffica, tanto che un attimo mi fermo e chiedo qual’è il particolare che li ha stupìti, mi rispondono che “sono uscito fuori dalle righe”.

L’olio buono quello fatto in casa, l’origano coltivato nell’orto, la cipolla doc, e tutti gli altri ingredienti particolari, sono queste cose che ti distinguono dai gusti e sapori standardizzati dalle GDO.

Hai sbalordito i nostri palati con la semplicità e la genuinità di questi prodotti.

La ricompensa

Queste sono soddisfazioni che ti arricchiscono molto più del denaro.

Sentirsi gratificati è il carburante che ti spinge a migliorarti sempre di più. La passione ricompensa!

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento