Quale impastatrice acquistare

di Antonio De Simone

La tua impastatrice non è più performante? I tuoi impasti non ti soddisfano? Vorresti aprire una pizzeria, un panificio o una pasticceria e non sai quale impastatrice acquistare?

Una cosa che voglio dirti prima di continuare a leggere, è la seguente:
La tua bravura finisce dove iniziano i macchinari, cosa voglio dire con questo? impastatrice, forno e altri macchinari completano la tua bravura e fanno si che tu arrivi al Top.
Quindi non pensare a risparmiare soldi e pensa solo ad acquistare un buon prodotto.

Cosa deve avere una buona un’impastatrice?

Iniziamo col dire che una buona impastatrice, deve avere una doppia copertura di protezione, una in plexiglass e l’altra in acciaio.
La prima, ovvero quella in plexiglass, serve per limitare la dispersione delle polveri nell’aria, sembra una sciocchezza, ma senza, siamo noi e i nostri colleghi di lavoro a respirarle.
La seconda copertura di protezione, è una griglia di acciaio inossidabile con spazi ridotti per la nostra sicurezza.
E’ importante che questa griglia sia sempre abbassata quando l’impastatrice è in funzione, in questo modo, non riusciamo ad infilare la mano all’interno della vasca e teniamo ferma la tentazione di toccare l’impasto mentre è in movimento.
Al centro della griglia di protezione vi è una fessura più larga, questa serve per aggiungere ulteriori ingredienti all’impasto.

La maggior parte delle impastatrici moderne, presentano un display digitale, che sia rotante o non ci interessa poco, l’importante che abbia alcune funzioni utili per il nostro lavoro.
Una buona impastatrice, sul display visualizza la temperatura presente nella vasca (questa funzione la possiamo sostituire con una pistola laser che misura le temperature), ha diversi programmi automatici in base al tipo di impasto che vogliamo fare (di questa funzione possiamo anche farne a meno) e deve avere anche la funzione manuale in quanto ogni impasto può essere personalizzato.

Come scegliere l’impastatrice?

L’impastatrice va scelta per le funzionalità importanti che servono davvero per migliorare i nostri impasti.

Una buona impastatrice, deve impastare anche solo 1/2 kg di pasta.
Una buona impastatrice, deve avere due motori, uno per la spirale e uno per la vasca.
Una buona impastatrice, deve avere la doppia velocità, la prima si utilizza per circa dieci minuti e la seconda per gli ultimi cinque di impastamento.
Deve avere la marcia inversa sulla vasca e la retromarcia.
La vasca deve essere in acciaio inox e con bordi del fondo curvo.
La struttura, deve essere in acciaio verniciato, anzichè di plastica.
L’impastatrice più utilizzata in pizzeria è quella a spirale.
Quest’articolo è stato realizzato in collaborazione con il Maestro Pizzaiolo Giovanni Valletta.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *